Loading...
Sei qui:  Home  >  Comunicati per la Stampa  >  Current Article

Feditalimprese Sicilia chiede un confronto al presidente Musumeci per intervento a sostegno delle PMI

By   /   21 Aprile 2020  /   Commenti disabilitati su Feditalimprese Sicilia chiede un confronto al presidente Musumeci per intervento a sostegno delle PMI

La segreteria Regionale di FEDITALIMPRESE Sicilia ha inviato una richiesta al presidente della regione Sicilia Nello Musumeci per un confronto al fine di studiare ed adottare soluzioni adeguate  ad una ripresa economica della nostra isola e per il mantenimento dei livelli occupazionali.

Di seguito il testo della lettera:

Egregio Presidente Musumeci

Feditalimprese Sicilia si rivolge a lei ed a tutta la Giunta Regionale, in nome e per conto delle PMI e altri lavoratori autonomi che non si sono SENTITI adeguatamente tutelati in questo particolare momento di emergenza che può rivelarsi disastroso nel momento in cui tutto, si spera, finirà. 

Tante le attività costrette a non lavorare per decreto o per ORDINANZA e tante altre hanno purtroppo ridotto la capacità economica per il divieto di mobilità. 

Come Lei ben sa le PMI, rappresentano la spina dorsale del nostro Paese con una presenza del 95%, pertanto bisogna intervenire adeguatamente al fine di evitare la chiusura di tantissime attività. 

Con il decreto Cura Italia, del Presidente del consiglio dei Ministri del 16 marzo e altri successivi, sono state approvate misure di sostegno che si stanno rivelando non puntuali alla situazione venutasi a creare e in alcuni punti sembrano alquanto penalizzanti (il prestito bancario tanto sbandierato, o in alcuni casi l’erogazione dei 600 euro alle partite Iva.)

Tra l’altro non tutte le partite iva otterranno il bonus perché è stato previsto (forse per errore) che tale erogazione non sarà fatta in favore di chi è iscritto alla doppia previdenza (non a chi ha un reddito inferiore a..), come dire che la correttezza di un professionista alle prime armi o che lavora poco e che riesce ad avere anche un’ora di supplenza scolastica essendo iscritto a doppia previdenza non ottiene niente. 

Per questi ed altri motivi che evitiamo di elencare, quasi tutte le altre Regioni, consapevoli del particolare disagio e più vicine alla realtà aziendale locale stanno integrando le iniziative governative con interventi regionali. 

La regione Campania, ad esempio, ha deliberato di concedere un bonus di 1000 euro ai liberi professionisti che hanno maturato un reddito inferiore ai 35 mila euro nel 2019 (tale bonus si aggiunge a quello nazionale.). 

La regione Lazio ha varato il piano ”pronto cassa”. Così la regione Piemonte, Lombardia, Sardegna, Basilicata…. iniziative a fondo perduto e legate alla occupazione.

Egregio Presidente Musumeci

Consapevoli delle difficoltà ma anche della sua sensibilità e capacità nell’ affrontare situazioni  complesse, confidiamo in un suo intervento a favore di una ripresa economica della nostra isola e per il mantenimento dei livelli occupazionali.

A tal proposito chiediamo un confronto per discutere su eventuali iniziative utili al rilancio delle Piccole e Medie Imprese Siciliane. 

    Stampa       Email

You might also like...

FEDITALIMPRESE: DECRETO RILANCIO O DI SOPRAVVIVENZA?

Read More →